Regia teatrale

Lorraine de Sagazan

Lorraine de Sagazan

2022-2023 http://www.lorrainedesagazan.com/
2022-2023

Parallelamente alla formazione come attrice, Lorraine de Sagazan ha seguito gli studi in filosofia. Per formarsi come regista teatrale, nel 2014 parte per Berlino per assistere Thomas Ostermeier. Al suo ritorno, si dedica ad adattamenti di testi di repertorio, quali: Démons di Lars Noren, Casa di bambole di Henrik Ibsen e Senza padre di Anton Čechov, presentati alle Nuits de Fourvière, al Centquatre e al MC93.

Nel 2020, intraprende un nuovo ciclo del suo lavoro mettendo in discussione il modo in cui la narrativa può rispondere alla realtà. Queste ricerche danno vita a due primi spettacoli: La Vie invisible e Un sacre, creati al Théâtre de la Ville di Parigi e al Théâtre Gérard Philipe a Saint-Denis, dove Lorraine de Sagazan è artista associato. I suoi progetti poliedrici, che combinano performance, arti performative e arti plastiche, sono stati presentati in Francia e all’estero.

Il suo progetto a Villa Medici è dedicato alla giustizia contemporanea e, in particolare, alle alternative poco conosciute e marginali come la giustizia riparativa. Come sempre, la scrittura è in prima persona e dà vita a uno spettacolo-performance che interroga il modo in cui l’arte possa inserirsi in un processo riparativo, inventando un rituale di giustizia attraverso il teatro.

Il progetto si articola in una costellazione di proposte, tra cui un film e delle installazioni in spazi pubblici in collaborazione con altri artisti di Villa Medici, con l’obiettivo di moltiplicare la creazione di spazi giuridici utopici e immaginari aventi la forza originale dell’azione.

© Daniele Molajoli