Mostra | Guglielmo Castelli – Art Club #38

Dal 1 marzo al 19 maggio 2024
Curatore : Pier Paolo Pancotto
Con il sostegno di Mendes Wood DM

Le opere sono esposte negli spazi di Villa Medici e sono accessibili unicamente durante le visite guidate.


Dal 2016, il ciclo Art Club presenta il lavoro di artisti contemporanei internazionali sotto forma di interventi visivi e plastici negli spazi storici di Villa Medici: le logge, i giardini e la gipsoteca. Integrati ai percorsi di visita guidata di Villa Medici, questi interventi rinnovano e arricchiscono l’esperienza di un luogo che è allo stesso tempo storico e contemporaneo, propizio a dialoghi artistici inaspettati.

Per il prossimo incontro del ciclo Art Club, Villa Medici invita il pittore torinese Guglielmo Castelli. Ispirandosi alla letteratura, al teatro e alla storia dell’arte, Guglielmo Castelli sviluppa un universo in cui miscela figure umane e animali, frammenti di paesaggio, elementi naturali e scene quotidiane. Con uno stile figurativo in cui aree magmatiche e monocromatiche convivono con soggetti fluidi, allestisce storie in perpetuo movimento, quasi cinematografiche.

La cornice che accoglie queste storie è quella dei giardini di Villa Medici: nell’Atelier Balthus, nello Studiolo di Ferdinando de’ Medici e nella gipsoteca sono presentate cinque opere di Castelli.  Si tratta di quattro oli su tela: il dittico I Believe in The Nights (2021); Buon Vento (2023); Le Jardin des Refusés e The mutiny’s space (2022), oltre a un arazzo realizzato con plastica riciclata e fili naturali, Dorofoco. Bonotto for A collection (2020). Questo insieme di opere propone ai visitatori un viaggio cromatico dove ogni opera sembra contenere un enigma da risolvere.

Guglielmo Castelli è rappresentato da Mendes Wood DM e Rodeo London / Piraeus.

Guglielmo Castelli, The mutiny’s space, 2022
Guglielmo Castelli, Buon vento, 2023

Leggere il comunicato stampa

L’artista

Guglielmo Castelli, nato nel 1987, vive e lavora a Torino. Tra le sue mostre personali: Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa (2024); Berlino, Künstlerhaus Bethanien (2018). Tra le collettive: Diario notturno, L’Aquila, Maxxi (2023); Mutanti sotto un cielo che implode, Torino, OGR (2023); Italian painting today, Milano, Triennale (2023); A lover’s discourse, Aspen, Art Museum (2023); Espressioni con frazioni, Torino, Castello di Rivoli (2022); Roma, Quadriennale (2020).

Il curatore

Pier Paolo Pancotto è il curatore del programma espositivo Art Club presso Villa Medici dal 2016.  È stato curatore del ciclo espositivo “Fortezzuola” del Museo Pietro Canonica di Roma dal 2016 al 2018, di progetti artistici del Palais de Tokyo di Parigi, dell’Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, della Galleria nazionale d’arte di Tirana, del Lateral Art Space di Cluj, del Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes di Napoli, della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, del Museo H.C. Andersen, Roma, del Museo Carlo Bilotti, Roma, della Nomas Foundation, Roma, del Museo Correr e del Museo di Palazzo Mocenigo, Venezia, e di La Fondazione, Roma.

Crediti immagini :
Immagine di copertina :
Guglielmo Castelli, I Believe in The Nights, 2021 © Courtesy of the Artist, Mendes Wood DM and Rodeo London / Piraeus

Guglielmo Castelli, The mutiny’s space, 2022 © Courtesy of the Artist, Mendes Wood DM and Rodeo London / Piraeus
Guglielmo Castelli, Buon vento, 2023 © Courtesy of the Artist, Mendes Wood DM and Rodeo London / Piraeus

Ritratto di Guglielmo Castelli : © Elina Belou
Ritratto di Pier Paolo Pancotto : © Daniele Molajoli