Letteratura

Variazioni sullo spazio mediterraneo, incontro con Mathias Énard

12 marzo:

19.00 Variazioni sullo spazio mediterraneo, incontro con Mathias Énard

Mathias Énard è nato nel 1972. Dopo essersi formato in storia dell’arte all’École du Louvre, ha studiato arabo e persiano all’INALCO. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente, nel 2000 si stabilisce a Barcellona, dove collabora a diverse riviste culturali. Traduce due opere, l’una dal persiano, l’altra dall’arabo. La Perfection du tir, la sua prima opera, appare nel 2003 ed è ricompensata l’anno seguente dal prix des cinq continents de la francophonie ed il prix Edmée-de-La-Rochefoucauld. Viene anche selezionata dal Festival du premier roman 2004. Negli anni 2005-2006 è borsista a Villa Medici. All’attività di traduttore e scrittore affianca quella di professore di arabo all’università autonoma di Barcellona.

Nel 2010 pubblica con le edizioni Acts Sud un racconto breve, Parlami di battaglie, di re e di elefanti (Rizzoli), su di un episodio probabilmente fittizio della vita di Michelangelo. Questo breve racconto mostra la Costantinopoli tollerante ed europea che accoglie gli ebrei cacciati da una Spagna governata da re cattolici. L’opera è coronata dal prix Goncourt des lycéens 2010, dal 25esimo prix du livre in Poitou-Charentes e da La Voix des lecteurs nel 2012.  Ferrato nell’arte contemporanea, Mathias Énard ha creato nel 2011 le edizioni di stampe Scrawitch e l’eponima galleria, locata nell’11esimo arrondissement di Parigi, realizzata insieme a Thomas Marin, litografo, e Julien Bézille, filosofo di formazione.

Nel 2012 pubblica Via dei Ladri (Rizzoli), racconto del viaggio di un giovane marocchino errante per la Spagna ai tempi delle primavere arabe e del movimento 15-M. Durante il salone del libro francofono di Beirut (26 ottobre – 4 novembre 2012), riceve il primo premio « Liste Goncourt : Le choix de l’Orient » e nel 2013 il prix de l’Académie litteéraire de Bretagne et des Pays de la Loire.

Nel 2015 gli viene conferito il premio Goncourt per il suo romanzo Bussola (Edizioni E/O 2016) che parla della visione dell’Oriente da parte dell’Occidente. I romanzi di Mathias Énard si situano spesso all’incrocio delle culture mediterranee.

Condividi