Muriel Mayette-Holtz

2015-2018

Artista, attrice e regista, Muriel Mayette-Holtz è stata amministratrice generale della Comédie-Française dal 2006 al 2014, prima donna a occupare questo ruolo. Dal 2000 al 2006 è stata anche professore al Conservatoire national supérieur d’art dramatique.

Muriel Mayette-Holtz è entrata alla Comédie-Française nel 1985 all’età di vent’anni, subito dopo gli studi al Conservatoire national supérieur d’art dramatique, e nel 1988 è stata nominata 477 societaria della prestigiosa istituzione. Alla Comédie-Française ha interpretato numerosi ruoli, per la regia di Antoine Vitez (La Celestina di Fernando de Rojas, 1989), Claude Régy (A porte chiuse di Jean-Paul Sartre, 1990), Jacques Lassalle (La Fausse Suivante di Marivaux, 1991; George Dandin di Molière, 1992; Platonov di Anton Tchekhov, 2003), Matthias Langhoff (Danza di morte di August Strindberg, 1996; Lenz e Leonce e Lena di Georg Büchner, 2002), Alain Françon (Il giardino dei ciliegi di Anton Tchekhov, 1998), Philippe Adrien (Le serve di Jean Genet, 1997), Catherine Hiegel (Le intellettuali di Molière, 1987; Il ritorno a casa di Harold Pinter, 2000; L’avaro di Molière, 2011), Claude Stratz (Il malato immaginario di Molière, 2001; Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello, 2005). Ha interpretato inoltre nel 2007-2008, alla Comédie-Française e in tournée Il malato immaginario di Molière per la regia di Claude Stratz e La favole di La Fontaine di Robert Wilson.

Parallelamente ha portato avanti la carriera di regista, lavorando sui testi dei principali autori del teatro classico e contemporaneo. Ha presentato al Théâtre national de l’Odéon di Parigi Oh ! mais où est la tête de Victor Hugo ? tratto da Victor Hugo (1990); al Théâtre du Vieux-Colombier ha debuttato con Les Amants puérils di Fernand Crommelynck (1993), A scatola chiusa di Georges Feydeau (1998), I danzatori della pioggia di Karin Mainwaring (2001), La Dispute di Marivaux (2009); al Studio-Théâtre con I racconti d’inverno di William Shakespeare (2004) e con Dramolette di Thomas Bernhard (2005). Alla Salle Richelieu ha portato in scena Clitandre di Corneille (1996), Il ritorno al deserto di Bernard Marie-Koltès (2007), L’Hommage à Molière (2008), Mistero buffo di Dario Fo, Andromaca di Jean Racine (2010). La sua rappresentazione di Berenice di Jean Racine è stata creata in tournée nel 2010-2011. Il suo ultimo lavoro è Sogno di una notte di mezz’estate di William Shakespeare, presentato alla Salle Richelieu (2014).

Al di fuori della Comédie-Française ha recitato ne Il misantropo di Molière, per la regia di André Engel; L’ispettore generale di Nicolas Gogol – spettacolo creato nel 2003 al Teatro Stabile di Genova che ha avuto un’importante tournée in Italia, toccando anche il Teatro Argentina di Roma – Quartett di Heiner Müller e Dona Rosita di Federico García Lorca, tre spettacoli di Matthias Langhoff; La Leçon de M. Pantalone, con Mario Gonzalez, per la regia di Christophe Patty (in tournée nel 2006).

È Ufficiale dell’Ordine delle Arti e delle Lettere, Cavaliere dell’Ordine al Merito e Cavaliere dell’Ordine nazionale della Legione d’Onore.

Nominata nel settembre 2015 direttrice dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, Muriel Mayette-Holtz è la prima donna a dirigere l’istituzione.