Fotografo

Samuel Gratacap

Samuel Gratacap

2019-2020
2019-2020

Nato nel 1982 a Pessac (Francia).

Samuel Gratacap è un fotografo che lavora sia nel campo delle arti visive che del fotogiornalismo. Si interessa ai fenomeni migratori e ai luoghi di transito generati dai conflitti contemporanei. I suoi progetti sono il risultato di lunghi periodi di immersione per comprendere la complessità e restituire ciò che, al di là dei numeri, dei flussi, delle mappe, dei dati geopolitici e dei mezzi di informazione, costituisce il cuore di percorsi ed esperienze personali.

Vincitore di una borsa di studio al CNAP (fondo per la fotografia documentaria contemporanea) nel 2012 e del premio Le Bal-ADAGP per la giovane creazione nel 2013. Realizza la prima mostra monografica La Chance al CRAC Languedoc-Roussillon di Sète nel 2014. Il suo lavoro durante due anni in Tunisia nel campo profughi di Choucha (2012-2014), è stato il tema di una mostra personale al Bal di Parigi nel 2015, e una pubblicazione presso le edizioni Filigranes. Nello stesso anno, ha ricevuto la menzione speciale della giuria agli incontri Plat(t)forme del Fotomuseum di Winterthur, una borsa di lavoro della FNAGP (Fondazione nazionale per le arti grafiche e plastiche) e il fondo di dotazione agnès b. per il progetto Les Naufragé(e)s (Libia), in mostra all’Istitut du Monde Arabe, nell’ambito della Biennale dei fotografi del mondo arabo contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il “Prix Arendt du Mois européen de la photographie”, in seguito alla sua mostra personale al MUDAM. Nello stesso anno ha esposto Fifty Fifty, nell’ambito ufficiale dei Rencontres d’Arles, una mostra su una Libia dilaniata tra guerra e sorte dei migranti.