Storico dell'arte

Emilie Beck Saiello

Emilie Beck Saiello

2008-2009
2008-2009

Emilie Beck Saiello
Periodo: 2008-2009
Professione: Storico dell’arte Nata nel 1976, Emilie Beck Saiello ha studiato all’École du Louvre e all’Université de Paris IV-Sorbonne, ha conseguito un dottorato in Storia dell’Arte (2005) in co-tutela tra la Scuola Normale Superiore di Pisa e l’Université de Paris IV Sorbonnee un post-dottorato all’Istituto Italiano di Scienze Umane a Firenze (2008). Nel 2004 ha pubblicato con il Centre Jean Bérard e il concorso del CNRS “Le chevalier Volaire” (“Il cavaliere Volaire”). “Un peintre français à Naples au XVIIIe siècle ” (“Un pittore francese a Napoli nel XVIII secolo”), il cui manoscritto ha ottenuto il premio dell’Académie de Toulon nel 2003, nel 2005, con Artema Jean-Pierre Péquignot e numerosi articoli per l’INHA o le riviste “Napoli Nobilissima”, “Confronto” e “Ricerche di Storia dell’arte”. Attualmente sta preparando la pubblicazione, con L’Erma di Bretschneider, della sua tesi di dottorato, “Da Vernet a Valenciennes. I pittori francesi di paesaggio a Napoli nella seconda metà del Settecento” (vincitore del premio Strazzullo nel 2008), e, con Arthéna, della sua tesi di post-dottorato “Pierre Jacques Volaire, detto il Chevalier Volaire” (1729-1799). Con Honoré Champion ha pubblicato gli atti del convegno che ha co-diretto a Napoli (Istituto Italiano di Scienze Umane) nel 2007, “Il Vesuvio in eruzione: saperi, rappresentazioni, pratiche”. E’ stata curatrice aggiunta dell’esposizione “Girodet e Péquignot, une amitié artistique” al museo Magnin di Digione, nel 2005 e dell’esposizione “Joseph Vernet” organizzata dal Louvre, il museo Calvet d’Avignon e la National Gallery di Washington (2011). Ha inoltre lavorato con numerosi musei francesi ed esteri (Louvre, Metropolitan Museum de New York, Galerie Trétiakov, Museo di Capodimonte). Emilie Beck Saiello tiene dei corsi all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, partecipa regolarmente ai convegni organizzati dalle università francesi e italiane ed è consulente di antiquari. Dedicati principalmente allo studio della pittura paesaggistica del XVIII secolo in Francia e in Italia, e in particolare alla riscoperta di artisti ancora poco conosciuti, i suoi lavori privilegiano una storia sociale dell’arte, sostenuta da un’accurata ricerca sulle fonti, sulla conoscenza storica dell’ambiente, ma anche sull’analisi stilistica delle opere, mettendo insieme “l’occhio e la conoscenza”, la sensibilità e lo studio. Borsista a Villa Medici per 18 mesi, Emilie Beck Saiello vi prepara l’edizione critica del “Livre de Raison” di Joseph Vernet.