Residenza Ateliers Médicis | La coreografa Bintou Dembélé

Bintou Dembélé è una delle maggiori artiste del movimento hip-hop in Francia. Dal 2019, è una delle artiste associate agli Ateliers Médicis  di Clichy-Montfermeil. Il suo soggiorno a Villa Médicis nell’aprile 2021 è il primo di un nuovo programma di residenze incrociate con gli Ateliers.


 

Il marronaggio

Il lavoro di Bintou Dembélé è particolarmente interessato al marronaggio, “il gesto di resistenza e di fuga delle persone deportate e schiavizzate, per trovare la libertà e reinventare nuove società, per ricostruire una storia, una cultura attraverso conoscenze ancestrali e pratiche culturali che vengono ripensate e ridefinite a seconda del territorio di rifugio: montagna, foresta, palude o laguna.

Questa pratica, o pensiero, trova la sua genesi in Africa e si sviluppa nei Caraibi, nelle Antille e nelle Americhe. Riemerge e si esprime anche sotto forma di riti, come il Léwoz, una veglia funebre in Guadalupa, e pratiche culturali come la capoeira in Brasile o il Moringué nell’Oceano Indiano. Attraverso il marronaggio, trasposto nel nostro secolo e nella nostra società, si tratta di ricostruire forme di identità personale e sociale fuori da uno sguardo occidentale che le invisibilizza e le costringe ai margini.

“Da parte mia, sono i progetti artistici che ho portato avanti negli ultimi quindici anni nella Guyana occidentale che mi hanno permesso di capire la portata del marronaggio, con la comunità Bushinengue. La mia ricerca consiste nel portare alla luce questa parte nascosta e sottovalutata della storia e nel farla risuonare con l’attualità. Condurre questa ricerca sul marronaggio e le sue attuali traduzioni culturali, risponde a una necessità di collegare questa conoscenza, una fondazione con questa ricchezza storica alle culture di strada e al margine come la danza di strada o le culture nere”.

Residenza di ricerca

La Chute © Denis Darzacq

La Chute © Denis Darzacq

Attraverso il suo lavoro creativo, che si basa sulla relazione danza/musica/voce, Bintou Dembélé ha spinto i muri, esplorato nuovi universi in risonanza con i contesti sociali e culturali. È passata avanti e indietro dalla metropolitana alla scatola nera del teatro, dalla competizione (battaglia) alla creazione operistica. L’approccio del mezzo immagine con l’investimento della scena digitale permette anche all’artista di attraversare spazi multipli di rappresentazioni e indirizzi.

Oggi, inscrive anche il suo approccio nel campo dell’arte contemporanea, un lavoro iniziato con gli artisti-fotografi Denis Darzacq per la serie La Chute, Mary Rozzi per la serie FEARLESS, poi con il Centre Pompidou-Metz con la trasposizione in forma di installazione performativa della scrittura coreografica dell’opera-balletto Les Indes galantes.

Durante questa residenza a Villa Médicis, l’artista ha esplorato il passaggio dal palcoscenico all’immagine e dal palcoscenico al digitale, e ha posto le basi per una nuova creazione a venire.

 


Biografia

© Mary Rozzi

© Mary Rozzi

Bintou Dembélé ha iniziato la sua carriera nel 1997, unendosi a gruppi come Aktuel Force, Ykanji – di cui è co-fondatrice -, il collettivo Mouv’ del Théâtre Contemporain de la Danse di Parigi e la compagnia Käfig. Come ballerina e coreografa, collabora con artisti come MC Solaar, Grand Corps Malade, Sophiatou Kossoko e Mohamed Bourouissa.

Nel 2002, ha creato “Rualité”, una struttura che porterà la produzione delle sue opere: L’Assise (2004), LOL (2008), Mon appart’ en dit long (2010), Z.H. (2014), S/T/R/A/T/E/S – Quartet (2016), Le Syndrome de l’initié.e (2018), presentati in Francia e nel mondo.

Sviluppa collaborazioni con accademici come Noémie N’Diaye, docente del dipartimento di letteratura inglese dell’Università di Chicago, Isabelle Launay, docente universitaria del dipartimento di danza dell’Università di Parigi VIII.

Nel 2017, Clément Cogitore l’ha chiamata a coreografare il film Les Indes galantes, che può essere visto sulla piattaforma digitale 3e scène. Nel 2019, il balletto Opéra sarà creato per il 350° anniversario dell’Opéra national de Paris e il 30° anniversario dell’Opéra Bastille.

Nel 2020, Bintou Dembélé sarà uno dei 10 artisti internazionali invitati a celebrare il decimo anniversario del Centre Pompidou-Metz, dove creerà il film di danza -s/t/r/a/t//e/s-. L’Opéra de Lyon la invita a creare un assolo per un ballerino del balletto per il progetto Danser encore, 30 danseurs, 30 solos.

 


Risorse 

Articolo : “Decolonizing Art for Art’s Sake”,  The Markaz Review, 2021

Articolo : “Operatic whitewashing”, Parterre Box, 2020

Articolo : “Vogue Dancers Subvert a Baroque Spectacle at the Paris Opera”, The New York Times, 2019

Interview al Centre national de la danse, 2021 (in francese)

Video Les Indes galantes : “La chorégraphe qui décolonise la danse”, 2020 (in francese)

 


Residenza organizzata dagli Ateliers Médicis e dall’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici. 

 

 

 

 

 

Immagine di copertura © Cyrille Choupas