Mostre / Storia dell'arte

14 febbraio : Vitalità della pittura contemporanea, la scena francese

Per la generazione di artisti apparsa attorno agli anni 2000, la pittura si presenta come un medium ordinario che può essere praticato senza flettersi sotto il peso della tradizione o dei divieti ideologici. I pittori tengono conto dell’insieme degli interrogativi sull’arte, delle nuove tecniche, si interessano alla loro epoca. Essi assimilano nuove strutture narrative, nuove modalità espositive, e si presentano con forza riconciliandosi con il piacere della realizzazione a mano.

Sempre più artisti lavorano spesso nei loro atelier discretamente, silenziosamente, scegliendo il mestiere della lentezza, del rapporto alla materialità e alla Storia, della preoccupazione per il mondo e del piacere di esistere.

In presenza dei pittori Mireille Blanc, François Boisrond, Claire ChesnierMaude Maris, con una riproduzione di un centinaio d’altri artisti nonché con diversi video di artisti all’opera, Isabelle de Maison Rouge et Thomas Lévy-Lasne proporranno un programma non esaustivo di questa vitalità eccezionale contemporanea, ancora scarsamente considerata dalle istituzioni francesi.

Dottore in arte e scienza delle arti, Isabelle de Maison Rouge è storica dell’arte, critica e curatrice. Ha pubblicato nel 2017 Le Mythe de l’artiste, per le edizioni Le Cavalier Bleu.

19.00
ingresso libero – senza prenotazione
traduzione simultanea disponibile

Evento organizzato in collaborazione con l’ADAGP e l’Atelier A

Vedere la presentazione

 

François Boisrond « Au bord du canal » Huile et acrylique sur toile 100×115 2014

 

 

Maude Maris « Atelier1 », Huile sur toile 220x160cm 2018 ©RebeccaFanuele

 

 

Claire Chesnier « CCCIII » Encre sur papier 153×132,5 cm 2015 ©RebeccaFanuele

 

 

Mireille Blanc « Album 2 (Memphis) » Huile sur toile 22x19cm 2018 Collection FRAC Auvergne

 

 

Condividi