W ROMA Raccogliere, trascrivere e modificare le scritte esposte non ufficiali | Atelier di ricerca 3 – 5 marzo

02 Marzo 2020

Portando il nome di una scritta onnipresente nello spazio pubblico italiano – la lettera W, abbreviazione dell’interiezione Viva, storicamente non fa parte dell’alfabeto italiano – questo laboratorio di ricerca organizzato da quattro ex-borsisti dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici riunisce ricercatori, storici, antropologi, artisti e designer intorno alle questioni sollevate dalle iscrizioni non ufficiali.

Si svolge a Roma, città storicamente considerata come “città scritta”, dove gli spazi della scrittura ufficiale sono stati particolarmente pensati e organizzati e dove sono emerse forme di scrittura più libere.

L’obiettivo di questo laboratorio di ricerca è quello di nutrire la comprensione e la conoscenza delle iscrizioni esposte non ufficiali, condividendo e mettendo in discussione i protocolli utilizzati: i metodi di rilevamento, censimento e inventario, indicizzazione e restituzione, che hanno reso queste particolari produzioni oggetto di studio, sottolineandone anche il carattere formale ed estetico.

Martedì 3 marzo

9.30
Accoglienza dei partecipanti
Stéphane Gaillard, direttore ad interim dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici
Introduzione
Francesca Alberti e Thomas Huot-Marchand

10.00
Case studies
W VV ViVa evviva !
Charles Mazé, Coline Sunier
Raffaella Sarti Università di Urbino Carlo Bo
Vita di corte sui muri. I graffiti del Palazzo Ducale di Urbino
Éloïse Letellier-Taillefer Sorbonne Université – EA Rome et ses renaissances
Graffiti nel corridoio dei teatri di Pompei: sulle orme di un antico spazio pubblico (Les graffitis du couloir des théâtres de Pompéi : sur les traces d’un espace public antique)
Simon Boudvin École nationale supérieure de paysage de Versailles
Tyndo de Thouars

 

Mercoledì 4 marzo

14.00
Case studies
Omar Borretaz Biblioteca Regionale di Aosta
Tous ceulx que mal dise nentre ceans... I graffiti del castello di Issogne (Valle d’Aosta)
Giovanna Fiume Università di Palermo
Graffiti, disegni, scritture parietali dei prigionieri del Santo Uffizio a Palermo (secc. XVII-XVIII)
Philippe Artières CNRS – IRIS
Una targa per Paul Gény. Ritorno su una finzione epigrafica (Une plaque pour Paul Gény. Retour sur une fiction épigraphique)
Francesca Alberti Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, Diane Bodart Columbia University
All’ombra del laboratorio: scarabocchi e disegni ai margini (À l’ombre de l’atelier : gribouillis et dessins en marge)

 

Giovedì 5 marzo

19.00
Giovedì di Villa Medici
David Reinfurt Princeton University
Design as Art as Research

 

Il laboratorio di ricerca è organizzato da: Francesca Alberti Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, Coline Sunier institut supérieur des arts de Toulouse (isdaT), Charles Mazé e Thomas Huot-Marchand Atelier National de Recherche Typographique (ANRT), ENSAD, Nancy (Francia).

 

Informazioni pratiche:

Sede: Salone di musica, Accademia di Francia – Villa Medici, Viale Trinità dei Monti 1 – 00187 Roma.
Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.